Vintage

1
Shares
Pinterest Google+
Gvintage è un’azienda relativamente giovane. Nasce dalla profonda curiosità di studiare a fondo l’evoluzione nel modo di vestire del secolo scorso. In particolare lo studio dei tessuti e le tecniche di lavorazione, nonché la grande evoluzione del concetto di moda attribuibile al periodo della rivoluzione industriale del ‘900, che ha portato alla nascita dei concetti di economia, del vestire e appartenenza sociale che oggi conosciamo. L’emancipazione femminile, l’affermazione a livello mondiale delle icone di Stile, la consacrazione del Made in Italy nel secondo Dopoguerra; sono i “dietro le quinte” che si celano dietro questi eventi che hanno fatto si che Gvintage facesse del Vintage una passione, prima che una professione.
COS’E’ IL VINTAGE
“Vintage” oggi è un termine molto in vogaddf; Nell’ambito della moda, col termine “Vintage” si intendono capi di abbigliamento ed accessori che hanno almeno vent’anni, siano in perfetto stato o mai utilizzati, e di fattura pregevole. Ma al di là dell’accezione del termine, indossare un capo Vintage è un modo per rappresentare la propria unicità, la possibilità di creare uno stile proprio senza uniformarsi. Chi sceglie il Vintage, sceglie capi che sono quasi pezzi unici, e di una qualità che al giorno d’oggi la si ritrova solamente nei pezzi di fascia alta; non è semplicemente vestirsi: si indossa un pezzo che racchiude in sé una storia, uno spaccato dell’epoca in cui è stato creato. Quello che le industrie dell’abbigliamento propongono oggi, non è altro che una rivisitazione di modelli che grandi stilisti ed innovatori hanno creato in passato; con la differenza che chi sceglie il Vintage non indossa la copia, o la riproduzione, ma il pezzo originale. Senza tempo, e sempre alla moda.
Ecco qualche esempio di capi originali, che pur avendo dai 30 ai 60 anni sono a tutt’oggi attualissimi, ed abbinabili con quello che abbiamo nel nostro guardaroba:
– Un giaccone invernale della Pendleton, azienda americana nata nella seconda metà dell’ottocento. Anno di produzione 1968, in lana spinata ed interno in pelliccia;
– Esempio perfetto di mash-up: giacca in pelle d’agnello anni ’70, pantalone militare dell’esercito del blocco dell’Est fine anni ’50-primi ’60, portati con una t-shirt e un paio di sneakers;
– Gonna anni ’50 sartoriale, in crepès di seta verde smeraldo;
– E in ambito di accessoristica, una splendida pochette da sera Gucci, in raso di velluto con profilo in metallo dorato; anno di produzione 1961.

 

 

 

Previous post

I 7 magici momenti di Dicembre

Next post

Outfit di Dicembre

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *